Cultura del Flamenco

Flamencologia è la scienza che indaga profondamente la cultura del flamenco

foto lezione di teoria del flamenco in porta romana
Lezione di teoria del flamenco in Porta Romana
foto lezione di teoria del flamenco in porta romana

Lezione di teoria del flamenco in Porta Romana

Il corso è tenuto da Sabina Todaro

Mercoledì 21.30-22.30 in Via Passeroni 6 Zona Porta Romana

Venerdì 18.45-19.30 in Via Pomezia 12 Zona Loreto

La storia recente

Il flamenco è una forma culturale che appartiene alla tradizione Andalusa, e si espande in altre regioni spagnole per questioni di emigrazione: gli andalusi, come la gente del nostro sud, ha lasciato casa per andare a cercare lavoro. A Madrid, a Barcellona, nelle miniere della regione di Murcia o in Asturias ecc.

Negli ultimi 30 anni il flamenco ha viaggiato per il mondo, coinvolgendo persone sui 5 continenti. Questo ne ha drasticamente modificato l’aspetto più superficiale, che è anchce qeullo più diffuso e più conosciuto, coprattutto all’estero: la danza. Il baile. Un tempo ballare flamenco significava abbandonarsi all’improvvisazione, al sentire e lasciarsi portare dalla parte irrazionale di sè: dal Duende.

Oggi quasi nessun bailaor mostra la sua spontaneità sul palcoscenico: significherebbe prendersi un rischio che non ci si assume con leggerezza. Di baile questa gente ci campa! I soldi non sono molti, soprattutto dopo la crisi economica spagnola degli anni inotrno al 2010, e la concorrenza è feroce.

La pedagogia del corso

Sabina Todaro ha creato una pedagogia efficace che permette agli allievi di entrare nella cultura del flamenco.

Per affrontare l’analisi della struttura e della caratteristica dei vari generi musicali del flamenco, i palos, si ricorre all’ascolto di brani selezionati appositamente per aiutare gli allievi a comprendere il flamenco nella sua essenza profonda.

Nella lezione si stimola la sensibilità melodica degli allievi con esercizi mirati a riconoscere le differenze e le somiglinze fra stili, imparando a fidarsi del proprio sentire. E non soltanto del proprio sapere!

Ritmica

La struttura ritmica viene investigata in maniera soprattutto intuitiva, e lo studio delle palmas viene fatto secondo la metodologia tradizionale: come un gioco. Sabina segue il lavoro appreso dal chitarrista Manuel Santiago e dal bailaor sivigliano El Torombo, in materia di ritmo: ciò che nella tradizione gitana veniva fatto per avvicinare i bambini al ritmo. Sotto forma di gioco.

Accanto a questo, Sabina usa le sue competenze sulla ritmica araba esulle percussioni mediorientali. Negli anni il metodo si è sviluppato anche parecchio nella collaborazione con il percussionsta Francesco Perrotta.

Altro elemento fondamentale nel metodo è il fare ricorso alle neuro scienze per sfruttare il funzionamento del cervello per l’apprendimento.

E questo metodo è incredibilmente efficace per sbloccare le tensioni che ostacolano la sensibilità ritmica.

Melodia

l’analisi musicale melodica si basa su ascolto e contestualizzazione dei vari generi musicali nella cornice culturale di riferimento. In una logica chiara e concreta che risiede nella tradizione popolare andalusa. Non soltanto in quella degli spettacoli nei grandi teatri, ma anche nelle radici popolari della quotidianità. Della storia della gente comune.

baile flamenco
La comunicazione alla base della teoria del flamenco
baile flamenco

La comunicazione alla base della teoria del flamenco

Il Flamenco si basa tradizionalmente sull’improvvisazione, resa possibile dall’esistenza di un vero e proprio codice di comunicazione fra chi danza, chi suona e chi canta.

Capire la struttura che sta alla base porta chi pratica questa arte ma anche chi la apprezza solo da spettatore a fruire al meglio di tutte le sue componenti: il baile, il cante, la chitarra, le percussioni e le palmas, altri strumenti melodici come il flauto, il violino, il piano ecc, il jaleo (per la terminologia specifica del flamenco, si rimanda alla sezione dedicata al dizionario).

Le lezioni si basano sull’analisi del cante, dei diversi stili musicali, delle strutture melodiche, armoniche e ritmiche, alla scoperta dei codici di comunicazione che da sempre sono alla base del Flamenco.

Di ogni genere analizzato vengono presi in esame la struttura costitutiva: salida, llamada e letras, (vale a dire l’inizio, il richiamo per il cantante, le strofe poetiche successive).

Clicca qui per maggiori informazioni sull'insegnante Sabina Todaro